Instagram Facebook Youtube
I ragazzi hanno bisogno di fiducia e non di pessimismo,
di speranza e non di rassegnazione,
di incoraggiamento e non di critiche.
I ragazzi hanno bisogno di alleati che li ascoltino,
li valorizzino e li spronino a non mollare.
Noi stiamo dalla loro parte.

“Ciascuno cresce solo
se sognato”. Danilo Dolci

L’idea

Next Level è un progetto per i giovani costruito con i giovani, perché trovino il loro posto nel mondo anche se il mondo è complicato.

La filosofia

Next Level lavora con i giovani per costruire percorsi di orientamento, formazione e alternanza scuola-lavoro, chiedendo loro di esprimersi, non stare a sentire, di mettersi in gioco, impegnarsi, rendersi indipendenti. 

Lo scopo è diventare grandi.
Next Level realizza progetti sociali e culturali al fine di coinvolgere maggiormante i giovani con un ruolo partecipativo.

Next Level lavora con gli adulti – genitori, insegnanti, manager – per confrontarsi su come valorizzare i giovani, capire come possono costruirsi un futuro e dare un contributo.

Senza sostituirsi a loro, senza scaricarli.
Lo scopo è farli crescere.

Il metodo

Che si tratti di orientamento, formazione o “alternanza” il metodo di Next Level ha tre parole d’ordine: progettualità, creatività, praticità.

In breve, “sconfiniamo”, portiamo il tema del lavoro nei programmi culturali, facciamo career camp in diversi settori professionali intrecciandoli fra loro, laboratori di orientamento con le storie, il rap, il teatro, e molto altro ancora…

5 giugno 2017

INTESA SANPAOLO: LA PRESENTAZIONE DEI RISULTATI DEL PROGETTO CAREERS IN ART

Lunedì 5 giugno, alle ore 17 a Palazzo Zevallos Stigliano a Napoli

Far scoprire le professioni dell’arte in una logica concreta di orientamento professionale e nell’ambito dell’alternanza scuola-lavoro è l’obiettivo del progetto di Intesa Sanpaolo Careers in Art, realizzato con l’associazione Next Level e rivolto a studenti della secondaria superiore. Nato a Napoli, in questa seconda edizione il progetto ha assunto respiro nazionale trovando realizzazione, oltre che a Palazzo Zevallos Stigliano a Napoli, alle due altre sedi museali delle Gallerie d’Italia, Milano – Piazza Scala e Vicenza – Palazzo Leoni Montanari e coinvolgendo complessivamente oltre 300 ragazzi prevalentemente di licei classici e istituti artistici.

Lunedì 5 giugno alle ore 17 a Palazzo Zevallos Stigliano, sede museale delle Gallerie d’Italia a Napoli, si svolge la presentazione al pubblico degli strumenti di valorizzazione del museo e delle sue opere realizzati dai giovani partecipanti dopo aver partecipato agli incontri a Palazzo Zevallos con professionisti, artisti e artigiani disponibili a trasferire loro competenze. Uno spot-video, anelli, abiti, una campagna pubblicitaria social attraverso i selfie, una mostra fotografica: sono i risultati del lavoro dei mesi scorsi coordinato dai professori. Un museo non è solo opere d’arte, biglietteria, visite guidate è anche per esempio comunicazione, cioè campagne pubblicitarie, multimedialità, merchandising. Questo il messaggio trasferito ai ragazzi.

In particolare, a Napoli hanno aderito al progetto:

Liceo Artistico Statale di Napoli con il Percorso new media. Partendo dal quadro di Caravaggio “Il Martirio di Sant’Orsola” esposto a Palazzo Zevallos Stigliano e attualmente in prestito al Metropolitan Museum of Art di New York, gli studenti hanno realizzato un breve video per rappresentare il rapporto inatteso, sorprendente e intimo dell’opera con chi vi interagisce e una performance artistica in cui le persone diventano testimoni dell’arte che, anche nell’assenza, resta.

Liceo Artistico Palizzi/Boccioni

  • con il Percorso beni culturali. Da una riflessione sulla vita di Vicenzo Gemito e sul rapporto con la madre che lo ha abbandonato, le studentesse hanno realizzato nove sculture in dialogo tra loro che diventano un’occasione inedita e originale per parlare della donna, della maternità e di se stesse;
  • con il Percorso artigianato. Tramite il confronto con artigiani e aziende di Napoli, con il contributo del CNR di Portici e ispirati dalle geometrie del salone di Palazzo Zevallos, gli studenti hanno realizzato degli anelli con la seta prodotta dall’azienda Marinella al posto delle pietre preziose e dei vestiti, fondendo insieme materiali, identità e storie: pezzi unici che raccontano l’arte come incontro di saperi;
  • con il Percorso new media. Gli studenti hanno ideato per Palazzo Zevallos una campagna social per invitare i loro coetanei a immergersi nelle opere d’arte diventandone parte, utilizzando proprio gli strumenti a loro familiari: i social network e la tecnica dei “selfie”.

Liceo Classico Jacopo Sannazaro con il Percorso beni culturali. Ispirati alla vicenda napoletana di Andreuccio da Perugia, protagonista della Novella di Boccaccio, che a contatto con la città partenopea da giovane inesperto e sprovveduto diviene uomo ingegnoso e accorto, gli studenti hanno realizzato una mostra fotografica che si configura come un affascinante itinerario di parole e immagini e racconta il passaggio da adolescenti ad adulti.

Al termine delle presentazioni dei lavori, una breve cerimonia vedrà la consegna ai ragazzi di attestati di partecipazione e la loro designazione al ruolo di “ambasciatori delle Gallerie d’Italia di Intesa Sanpaolo”, un rapporto privilegiato che si manterrà oltre il termine del progetto vero e proprio. Mercoledì 7 e giovedì 8 giugno si tengono le presentazioni dei risultati rispettivamente a Vicenza, Palazzo Leoni Montanari (ore 18) e Milano Piazza Scala (ore 18,30).

Informazioni per la stampa

Intesa Sanpaolo
Ufficio Media Attività Istituzionali, Sociali e Culturali
02 87962925
stampa@intesasanpaolo.com

23 maggio 2017

EVENTO – FINANZA SOCIALE UN’OPPORTUNITA’ PER L’ITALIA?

FINANZA SOCIALE UN’OPPORTUNITA’ PER L’ITALIA?
Storie di successo internazionali, ovvero come gli altri Paesi hanno vinto la sfida
23 Maggio – 16,00 -18,00
Circolo della Stampa – Corso Stati Uniti 27 – Torino
Per informazioni
Maria Chiara Pizzorno + 39 3492300250
Caterina Corapi + 39 3471284403
maggio 2017

AlpSib: Capacity development of public and private organizations for Social Impact Bonds

Programme: INTERREG Alpine Space
About AlpSib project

The current economic and social crisis has been challenging traditionally established patterns in social sector. Limited/shrinking financial resources cannot ­satisfy the growing needs of the social sector, among which ageing population, increasing number of NEETs (young people not in education, employment or training), greater need for health services ect. Growing societal challenges are calling for social innovation and a stipulation of a new social economy, which would connect the public-private-third sectors. The economic concepts of capital and investment would become social policy instruments and would give a greater value for money in public services.

The AlpSib project is addressing NEET and seniors’ needs by introducing innovative solutions. The project is set to accelerate social impact investments (SII) and focuses especially on social impact bonds (SIB). It plans to accelerate SII by developing a Social Impact Investing Hub for knowledge sharing, policies coordination and development and for assisting the supply chains in setting up new SII initiatives.

Project partners

  • Municipality of Pordenone (IT) – lead partner
  • Vorarlberg University of Applied Sciences (AT)
  • Institute for Economic Research (SLO)
  • Regional Development Agency of Ljubljana Urban Region (SLO)
  • Eckert School (GER)
  • Public Interest Group Training and Professional Insertion Academy of Nice (FRA)
  • Next Level Association (IT)
  • Valle d’Aosta Region (IT)
  • Pordenone Technology Center (IT)
  • FinPiemonte S.p.a (IT)
  • Bwcon GmbH (GER)
  • Nice Metropole (FRA)
  • Home care services cluster in French region of Provence-Alpes-Côte d’Azur (FRA)
  • City of Augsburg (GER)

Funding

Total eligible costs: 2.152.988,00 EUR
ERDF grant: 1.830.039,80 EUR

Total eligible costs for PP: 159.000 EUR
ERDF grant for PP: 135.150 EUR

Project duration:

01/11/2016 – 30/04/2019

Contact:

Maria Chiara Pizzorno, tel: +39 3492300250, e-mail: mariachiara.pizzorno@next-level.it

For more information see: http://www.alpine-space.eu/alpsib.

in corso

Careers in Art

“Careers in Art” si rivolge agli studenti delle scuole “superiori” coinvolgendoli attraverso i Career Lab, laboratori narrativi ed esperienziali, durante i quali un/una professionista presenterà la propria storia e dimostrerà in cosa consiste il suo lavoro, portando le opere, i prodotti realizzati, mentre i ragazzi potranno cimentarsi in prove pratiche.

dicembre 16

Sottodiciotto Film Festival & Campus

Next Level collabora con Sottodiciotto Film Festival & Campus 2016 alla realizzazione di eventi live e laboratori di orientamento per le scuole superiori di II grado

in corso

Progetto Mombarone

All’interno del progetto Mombarone Next Level progetta e organizza un laboratorio di orientamento sulla comunicazione rivolte alle scuole secondarie di primo grado. Sono coinvolti 150 studenti.

in corso

Progetto Sordevolo

Next Level insieme a giovani narratori e attori realizza dei percorsi narrativi per avvicinare i ragazzi al prezioso archivio Vercellone. Un percorso formativo inedito e coinvolgente.

in corso

Careers in Art

In partnership con Intesa Sanpaolo Progetto Cultura – Gallerie d’Italia.

Dopo la prima edizione di Napoli riprende il viaggio dell’orientamento verso le professioni dell’Arte e del Made in Italy.
Prossime Tappe Milano, Vicenza…e ancora Napoli!

EVENTI

Sottodiciotto Film Festival & Campus 2016

Per Sottodiciotto Film Festival & Campus 2016 Next Level ha creato un progetto capace di andare oltre il cinema puntando sulla crossmedialità come via privilegiata per comunicare con i ragazzi. E lo ha fatto con tre appuntamenti che caratterizzano il festival:

  • La presentazione del libro di Roberto Saviano “La paranza dei Bambini” (Feltrinelli) in collaborazione con il Circolo dei lettori e la Scuola Holden, il 3 dicembre alle ore 11.00 al Teatro Colosseo. Con l’autore, saliranno sul palco anche i ragazzi di alcune scuole superiori di Torino che interpreteranno e reinterpreteranno, esprimendo liberamente la propria creatività, il libro in cui Roberto Saviano racconta e condivide la storia di altri ragazzi e della loro adolescenza deviata e armata.
  • I Media Lab, in collaborazione con Rai. Un’esperienza di orientamento per gli studenti delle scuole secondarie di II grado, che coinvolge i ragazzi in laboratori pratici sulle professioni della Televisione. Gli studenti avranno la possibilità di visitare gli studi RAI e confrontarsi con grafici, operatori, tecnici audio video e con la redazione del TgR.
  • I Cinema Lab, in collaborazione con Film Commission. Durante il periodo del festival, dal 1 al 7 dicembre, saranno proposti 5 incontri con professionisti del mondo del Cinema nella Sala Movie di Film Commission per raccontare agli studenti percorsi formativi, contesti lavorativi, storie professionali dei professionisti coinvolti.

 

Orientamento per i ragazzi e i giovani

Careers in Art
Orientare i giovani verso le professioni
del mondo dell’Arte e del Made in Italy.

Alla luce del successo dell’esperienza di Napoli, Intesa Sanpaolo-Gallerie d’Italia e Next Level ampliano il progetto dandogli continuità per tutto l’anno scolastico 2016-2017, estendendolo ai poli museali di Vicenza e Milano e riconfermandolo a Napoli.

“Careers in Art” si rivolge agli studenti delle scuole “superiori” coinvolgendoli attraverso i Career Lab, laboratori narrativi ed esperienziali, durante i quali un/una professionista presenterà la propria storia e dimostrerà in cosa consiste il suo lavoro, portando le opere, i prodotti realizzati, mentre i ragazzi potranno cimentarsi in prove pratiche.

Alcuni Lab, come “Sell your Art” e “Imprenditorialità nell’Arte”, verteranno sui temi del marketing e del fare impresa in questi settori. Si insegnerà come realizzare un portfolio o una demo per consentire ai clienti di afferrare con pochi sguardi il valore delle creazioni e saranno presentate start up innovative negli ambiti toccati dal programma. Il calendario sarà fitto di incontri, anche nelle scuole, con testimoni privilegiati di grande richiamo.

Orientamento per i ragazzi e i giovani

Careers in Art – Napoli.
Orientare i giovani verso le professioni
del Teatro e l’artigianato artistico napoletano.

Careers in art è un programma di avvicinamento al mondo del lavoro nei settori dell’Arte, dell’alto artigianato e della creative economy, promosso da Gallerie d’Italia, nell’ambito Progetto Cultura, e realizzato in partnership con Next Level.

Il progetto è stato lanciato a Napoli nel Luglio 2016 con 2 percorsi di orientamento: il primo rivolto a 25 studenti di diverse scuole “superiori” partenopee e centrato sulle professioni del mondo del Teatro; il secondo dedicato a 25 studenti delle “medie” dell’Istituto Virgilio 4 di Scampia come percorso di orientamento all’artigianato artistico Campano. Nel primo caso si è trattato di un campo estivo di due settimane in cui i ragazzi delle “superiori” hanno sperimentato da protagonisti cosa significa gestire un’impresa teatrale, sviluppando, attraverso la pratica, competenze artistiche, specialistiche (es. creazione dei costumi) e trasversali (es. comunicazione).

Con i più piccoli si è sperimentata una metodologia di orientamento – il “Career Lab” – che, a partire dalla “visita aziendale” e dalla “storia del professionista”, si sviluppa nella sperimentazione pratica di un mestiere, “provando con mano”, ad esempio, l’intarsio ligneo.

Careers in Art video 1

Careers in Art video 2

 

social innovation

IMPACT INVESTING.
Nuovi strumenti finanziari per il Terzo Settore

Next Level è da alcuni anni impegnata nell’ambiziosa sfida di realizzare il primo Social Impact Bond (SIB) in Italia. A questo scopo si è alleata con molti partner importanti a livello nazionale, come l’Assessorato alle Politiche Sociali della Regione Piemonte e Finpiemonte, e a livello internazionale, per presentare proposte progettuali centrate sui SIB e sugli strumenti di impact investing nei Programmi Europei Spazio Alpino 2014-2020; EASI; Interreg Italia-Svizzera 2014-2020.

Orientamento per i ragazzi e i giovani

DEDALUS
Meno dispersione, più occupazione:
innovare l’orientamento scolastico.

NEXT LEVEL nasce dall’esperienza di successo del progetto “DEDALUS”, finanziato dal Programma Interreg Italia-Svizzera 20017-213 e insignito, nel 2015, del Premio “Progetto Significativo 2007-2013” nella selezione dei 5 migliori progetti del settenario del Programma. DEDALUS è il frutto dalla convinzione che utilizzare test e questionari per orientare i ragazzi sia controproducente, perché sottolineano le mancanze, non colgono il potenziale, non vedono la storia e il contesto di vita dei giovani.

Per comprendere gli adolescenti, aiutarli a scoprire le loro passioni e allenarli per le sfide future, si è scelto invece di utilizzare lo storytelling e il career counseling, sostenendo 324 ragazzi a rischio dispersione e le loro famiglie nel difficile passaggio dalle scuole “medie” alle scuole “superiori”. Il progetto è stato valutato dall’Università di Torino che ha monitorato i ragazzi, prima e dopo l’intervento. Risultato? Il rischio dispersione era al 3% contro una media nazionale al 17,1%.

Formazione degli adulti

La Bussola d’oro.
Tecniche di storytelling per l’orientamento

Corso di formazione riconosciuto dall’Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte a.s. 2016/17.

– work in progress –

Gli incontri di formazione della Bussola d’Oro sono rivolti agli insegnanti delle scuole secondarie di primo grado per confrontarsi su come sostenere gli studenti nelle scelte scolastiche e nella progettazione del futuro.
Come aiutarli a trovare il loro posto nel mondo, anche se non è il mondo che avremmo immaginato per loro, anche se non sanno bene dove andare – dove vanno gli altri? – o inseguono un’immagine sfuocata.

Si lavorerà su come utilizzare le storie per l’orientamento e la progettazione del futuro, anche le storie che non tornano, perché i ragazzi che non mettono la testa a posto possono dirci in quale posto vorrebbero metterla, dove sta il loro cuore, cosa fanno con gioia. Il corso sarà articolato in 4 tappe, condotte da uno scrittore e una consulente di orientamento:
1) Binario 9 e tre quarti. Tecniche dello storytelling per l’orientamento.
2) La Bussola d’oro. Come facilitare la progettazione del futuro.
3) L’officina dei racconti. Portare in classe l’orientamento narrativo.
4) Storie in circolo. Lavorare con i racconti dagli studenti.

Formazione degli adulti

EMPATOPOLY®
Viaggio attraverso le qualità dell’Empatia.

Corso di formazione riconosciuto dall’Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte a.s. 2016/17

-work in progress –

Il modello formativo è innovativo e originale, frutto della sperimentazione e applicazione di strumenti nuovi alla teoria e alla pratica dell’empatia. Il corso si propone di fornire ai docenti gli strumenti principali per attivare una relazione empatica con se stessi e con gli altri, migliorando così la qualità dell’ambiente lavorativo e potenziando le abilità di insegnamento.

L’acquisizione e l’utilizzo delle competenze emotive si rivela infatti sempre più centrale nelle relazioni interpersonali (con i colleghi, con gli studenti, con i genitori) e nel trasferimento della didattica. Il corso è suddiviso in 2 moduli condotti da 2 counselor professioniste.

Dove siamo presenti
sul territorio

Napoli

“Carriere nell’Arte” in partnership con Intesa Sanpaolo

Milano

“Carriere nell’Arte” in partnership con Intesa Sanpaolo

Vicenza

“Carriere nell’Arte” in partnership con Intesa Sanpaolo

Torino

Sottodiciotto - La Bussola d’oro ed Empatopoly corsi per insegnanti

Novara

La Bussola d’oro ed Empatopoly - corsi per insegnanti

Biella

La Bussola d’oro ed Empatopoly - corsi per insegnanti
Mombarone - corso di comunicazione con le scuole biellesi
Amministrazione

Annamaria
Mantovani

PRESIDENTE

Sono nata a Genova un sacco di anni fa e da quasi altrettanti anni vivo a Torino dove ho vissuto tutta la mia vita affettiva e professionale anche se il mio cuore è rimasto attaccato allo scoglio della Lanterna.

Faccio la commercialista e seguo società commerciali, persone fisiche, enti non profit e sono revisore di Enti locali.

Credo di essere nata con un libro in mano e continuo a collezionare romanzi sui quali mi picco di scrivere brevi recensioni, amo moltissimo la musica e ho anche tentato da piccola lo studio del pianoforte.
Le mie passioni mi hanno portato ad essere parte attiva in più di un’associazione culturale che ha come scopo di incentivare la lettura e lo studio della musica.

Ricerca e Sviluppo

Caterina
Corapi

VICE PRESIDENTE

Lavoro nel mondo della cultura e della produzione culturale, mantenendo sempre lo sguardo ben puntato sui ragazzi. Ho collaborato con diverse organizzazioni tra cui il Salone internazionale del libro di Torino, Scuola Holden, il Torino Film Lab, Fondazione Pistoletto e sono stata Presidente della Fondazione Teatro Ragazzi e Giovani di Torino e ho una collaborazione attiva con il Circolo dei lettori.

Con altrettanta convinzione mi impegno da due anni nel progetto Next Level, che sento come un’evoluzione professionale, dove si sposano due anime: una culturale e una di innovazione sociale.

Progettazione e Ricerca

Maria Chiara
Pizzorno

TESORERIA

Da anni mi occupo di orientamento in ambito scolastico ed accademico. Oltre a seguire i progetti di Next Level sono assegnata di ricerca all’Università di Torino per l’innovazione della didattica universitaria e ho gestito il Servizio di Counseling Accademico dell’Università della Valle d’Aosta. Ho un dottorato di ricerca in Psicologia in parte svolto alla British Columbia Univeristy di Vancouver. Il lavoro in Canada è stato poi insignito del premio europeo Young Researcher Award della European Society for Vocational Designing and Career Counseling, e pubblicato su prestigiose riviste internazionali quali il Journal of Vocational Behavior e il BritishJournal of Guidance & Counselling.

Ogni giorno progetto e faccio ricerca sui temi dell’istruzione, della formazione e della carriera, per sviluppare strumenti di orientamento e counseling, divertenti, creativi e che portino i ragazzi ad essere “attori in prima linea” nella costruzione del loro futuro.

 

 

Organizzazione

Laura
Fusca

Mi occupo di progettazione e comunicazione culturale e sociale. Dal 2000 al 2008 ho lavorato per una organizzazione non governativa di Milano, come responsabile della redazione, curando tutti gli strumenti di comunicazione e informazione, i contenuti delle campagne tematiche e i progetti editoriali per bambini e ragazzi. Dal 2009 lavoro come libero professionista. Tra le ultime collaborazioni: il Circolo dei lettori di Torino, Festival Torino Spiritualità Fondazioni for Africa Burkina Faso progetto per il diritto al cibo promosso da 28 Fondazioni di origine bancaria. Dal 2015 vivo e lavoro a Napoli dove coordino il progetto Migrantour Napoli, passeggiate nei luoghi più multietnici guidate da cittadini di origine straniera, e collaboro al progetto AAA Accogliere ad Arte per promuovere un’idea di accoglienza diffusa e partecipata dei turisti e dei visitatori.

Tutti i progetti e le realtà con cui ho scelto di collaborare in questi anni hanno in comune la volontà di indagare l’esistente, sollecitare riflessioni, aprire nuove prospettive di confronto e dialogo. E Next Level è stato un approdo naturale.